Energy Manager: come trasformare i dati in valore?

il 3 settembre 2020

Uno dei mantra ricorrenti degli ultimi anni è che i dati sono il “nuovo petrolio”. Per un Energy manager abituato a trattare quotidianamente le fonti energetiche “più classiche” questa affermazione può sembrare lontana, ma nasconde una fonte di verità.

Industria 4.0 ha permesso negli ultimi anni di ammodernare gli impianti produttivi e di raccogliere i dati di produzione e di consumo. Troppo spesso questi dati giacciono inutilizzati o parzialmente utilizzati nei sistemi informatici preposti senza generare il loro vero valore.

Di cosa si tratta?

Ogni Energy Manager ha l’obiettivo di ottimizzare i costi di approvvigionamento dell’energia, ma questa operazione non è affatto banale. Sono molteplici le variabili su cui può fare leva:

  • contratti di acquisto dell’energia
  • modifiche a turni
  • sostituzione di macchinari
  • benefici legati alla comunicazione di impegni, interrompibilità, ecc.
  •  cicli di lavorazione
  • ...

Ogni combinazione, definita scenario, può portare più o meno benefici che devono essere ipotizzati al fine di prendere la miglior decisione.

E’ necessario un approccio data-oriented ovvero basato su dati e calcoli in grado di dimostrare numericamente i benefici ipotizzati e poter convincere il board aziendale della bontà del proprio operato e dei ritorni sugli investimenti.

Semplificando quindi:

  • creo una ipotesi di miglioramento
  • calcolo sui miei dati l’effetto 
  • confronto gli scenari e cerco il massimo

Tutto così facile?

Ovviamente no, il nemico principale di questo approccio moderno e deterministico è il tempo necessario per eseguire le operazioni.

L’ufficio energia è infatti costantemente in difetto tempo schiacciato da una parte dalle operazioni di routine come il controllo delle bollette, la verifica dei consuntivi rispetto alle pianificazioni, le comunicazioni degli impegni agli enti gestori e la produzione di reportistica per il proprio funzionamento o per il board, e dall’altro per il tempo necessario per sviluppare le ipotesi di miglioramento.

Come uscire dall’empasse?

La piattaforma QPower

QPower è la piattaforma realizzata da Quix con l’obiettivo di supportare l’ufficio energia in tutte le operazioni time consuming e restituire il tempo necessario per assolvere la propria mission: ottimizzare e innovare.

QPower prende in ingresso i dati di consumo, i parametri di contratto e la pianificazione della produzione, inoltre scarica da internet tutti gli indici necessari per i calcoli (es: PUN, quotazioni petrolio, ecc.) e fornisce un set di feature in grado di eseguire tutti calcoli per i controlli delle bollette, calcola gli impegni, e simula ogni scenario presente o futuro permettendo di confrontarli agevolmente.

In sintesi

QPower è lo strumento in grado di aiutare quotidianamente l'ufficio energia automatizzando le attività ricorsive e time consuming restituendo il tempo necessario per le attività di innovazione ed evoluzione. Non solo, ma si occupa di eseguire i calcoli necessari per valutare la bontà dei diversi scenari evolutivi garantendo agli Energy Manager di soddisfare la propria missione aziendale.